Aeroporto a Cattolica Eraclea, mozione approvata dal consiglio comunale all’unanimità

Il consiglio comunale cattolicese ha approvato all’unanimità la mozione per il sostegno alla realizzazione di un aeroporto in località Piana Vizzì presentata dai consiglieri comunali di opposizione Paolo Cammalleri e Giuseppe Giuffrida, secondo i quali ci sarebbe un gruppo di imprenditori sostenuto da un istituto bancario pronto a investire in questa direzione. Il sindaco Santino Borsellino si è detto favorevole alla mozione che sostanzialmente “impegna il consiglio e l’amministrazione comunale ad approntare ogni iniziativa e spesa per la  partecipazione  e/o compartecipazione societaria pubblica o mista (pubblica e privata) volta a sostenere la realizzazione di un aeroporto nella nostra località di Piana Vizzì”, zona pianeggiante collegata con la strada statale 115.
“La crescita economica, sociale e culturale della provincia – si legge nella mozione – passa anche attraverso la buona viabilità stradale e la mobilità aerea di persone e cose; alla fine degli anni sessanta l’argomento aeroporto è stato naturalmente affrontato dal consiglio comunale di questo comune con interesse di comuni limitrofi e personalità della politica e imprenditoriali; la mobilità aerea nazionale, internazionale e tra l’oriente emergente e l’occidente anche oltre l’Atlantico risulta in costante crescita esponenziale per quanto riguarda persone e cose; la nostra Sicilia si rappresenta come punto intermedio tra i continenti estremi; dotare la provincia di Agrigento di un aeroporto è ormai argomento attualissimo di discussione; se non si vogliono privilegiare le piane di Licata e Canicattì, scelte sbagliate ed inutili per la crescita economica, sociale e culturale della provincia perché risulterebbero molto prossime agli aeroporti esistenti di Catania e Comiso proponendo una rivalità che non giustificherebbe l’investimento; che la nostra località Piana Vizzì risulta – pertanto –  in provincia l’unica piana, una distesa omogenea e senza dislivelli apprezzabili lunga oltre 3 Km, naturalmente vocata per una pista idonea all’atterraggio e decollo di tutti i tipi di aerei turistici e merci”.
Queste le ragioni a sostegno dell’aeroporto contenute nella mozione presentata e approvata proprio nei giorni circola notizia di una società, sostenuta da un istituto bancario, interessata all’acquisto di un terreno pianeggiante di circa 15.000 mq o superiore di terreno agricolo per realizzare un campo di volo o aviosuperfice per aerei da diporto-sportivo. Si cercherebbe un terreno sul quale dovrebbero poter atterrare Atr fino a 80 posti. Per l’acquisto di terreni la società si è rivolta all’agenzia “Vero Affare” di Favara, diretta da Carmelo e Antonino Cuschera, che ha pubblicato l’annuncio sul proprio sito web. “Le aree che interessato – si legge nell’annuncio – sono tutto il litorale sud tra la provincia di Agrigento e la provincia di Ragusa”.
Ad esprimersi ieri sull’aeroporto nell’Agrigentino anche il consigliere comunale di Sciacca Salvatore Monte: “Un aeroporto nella zona di Cattolica Eraclea? E perché no?! Sarebbe finalmente l’opportunità di riscatto per una provincia abbandonata e dimenticata dallo Stato. Sarebbe l’opportunità – ha sottolineato  il consigliere saccense – di nuovo sviluppo per tutto il nostro territorio. È una semplice mozione ma da qualche parte si deve pur cominciare. Un saluto ai colleghi di Cattolica ed un in bocca al lupo alla nostra provincia. Auspico che tutti i comuni – ha concluso Monte – diano un valido sostegno, anche con un contributo di idee, a questa iniziativa”.