Addio al signor Ernesto Ragusa, fondatore dello storico ristorante di Eraclea Minoa

“Apprendo con dolore la morte del signor Ernesto Ragusa, fondatore del ristorante Garibaldi di Eraclea Minoa. Alla moglie ai figli alle figlie alle nuore ai generi a tutta la famiglia condoglianze. Vi sono vicino con affetto. Riposa in pace grande uomo Ernesto. Il Signore ti porti in paradiso”. Lo ha scritto su Facebook l’arciprete di Cattolica Eraclea don Nino Giarraputo annunciando la morte del signor Ernesto Ragusa, 79 anni, fondatore dello storico stabilimento balneare sulla seconda spiaggia di Eraclea Minoa, da anni meta di vip e politici. Grande uomo di mare, ha lottato fino all’ultimo per proteggere il suo locale dall’erosione costiera, non c’è turista arrivato ad Eraclea Minoa che non lo abbia conosciuto. Il funerale sarà celebrato lunedì 23 luglio alle 18.30 nella chiesa del Rosario. Tanti i ricordi e i messaggi di cordoglio alla famiglia su Facebook.

Il sindaco di Cattolica Eraclea Santo Borsellino, l’amministrazione e tutto il consiglio comunale “si stringono al dolore della famiglia Ragusa per la grave perdita”. “La compagnia teatrale Aromi di Sicilia si associa al dolore dei familiari per la perdita del caro Ernesto”, ha scritto Franco Colletti. “Grandissima persona, gentile, disponibile e soprattutto un grande lavoratore, mi associo al dolore della famiglia per la grave perdita”, ha scritto Eduardo Avanzato. “Ernesto, una vecchia conoscenza, un grande lavoratore e un grande amico. Esprimo a tutti i familiari le mie più vive e affettuose condoglianze. Assicurando la mia preghiera di suffragio. Riposi nella pace di Dio”, ha scritto il parroco don Antonio Nuara. “Va via anche un pezzo di noi, di tutti noi. Siamo vicini alla moglie ai figli alle figlie ai generi alle nuore ai nipoti, niente sara come prima”, ha scritto l’assessore regionale Mariella Ippolito. Così Calogero Vaccaro: “Sentite condoglianze alla famiglia. È stato un grande uomo. Ci mancherà a tutti i Cattolicesi. R.I.P.”. E Nunzio Palminteri: “Grandissima persona, gentile, disponibile e soprattutto un grande lavoratore, mi associo al dolore della famiglia per la grave perdita”.

Questo il ricordo di Antonio Piro: “Sono nato e cresciuto a Minoa. Tutte le estati dal 1983. Amo questo posto visceralmente e lo considero la mia unica vera casa. Per questo so che non c’é mai stata una Minoa senza Ernesto Ragusa. Molto di più di un simbolo, un tenace condottiero sempre in guerra e sempre in piedi per la sua famiglia ed il suo Lido Gabbiano. Un uomo che non si è mai arreso e che ha dato il contributo più importante affinché Minoa non venisse mai abbandonata. Tantissime chiaccherate sella veranda in riva al mare. Buon viaggio zio Ernesto, senza di Te sarà più complicato tenere viva in Minoa quella magia che noi conosciamo. Addio”. Le parole dedicate al nonno dal nipote Rosario Miceli: “Ciao eroe! Sei stato sempre da esempio per tutta la famiglia e ti sei sempre fatto carico di tutti problemi, tutti ricorderanno la tua caparbia e il tuo coraggio, ogni volta che cadevi ti rialzavi a testa alta e sempre più forte di prima. Da oggi la tua Minoa non è più la stessa, ma in quel mare che hai tanto osservato ogni giorno per ore e ore, il tuo ricordo rimarrà indelebile. Ciao nonno, ciao eroe!”