Con un post pubblicato su Facebook l’arciprete di Cattolica Eraclea, don Nino Giarraputo, interviene sulla vicenda della spiaggia di Eraclea Minoa devastata dall’erosione costiera. Ecco il messaggio dell’arciprete: “Carissimi salute e pace in questi giorni sono stato a Eraclea Minoa e mi sembrava di stare in un altro mondo. Che strazio, che sofferenza vedere uno dei luoghi più belli del mondo in fin di vita, come un moribondo in agonia con pochissimi intimi ai piedi. Eppure si parla tanto, eppure tanti dicono di avere la soluzione , eppure muore in una lenta agonia, chi in quel luogo ha il lavoro e provvidenza per vivere vede svanire anni di sacrifici. Eppure quanti ministri, deputati, magistrati, uomini potenti, attori, cantanti e altri sono passati da Minoa, pare la parabola del Buon Samaritano, tutti vedono ma passano oltre. Chi sarà il buon Samaritrano che si chinerà a prendersi cura del moribondo Minoa. La storia dice: Mentre Roma discute, Sagunto viene espugnata, e in questo caso Sagunto è Minoa, povera la nostra Eraclea Minoa, povera. Il mio è uno scritto come tanti, ma come Parroco grido forte: chi avrà il coraggio di essere buon Samaritano della moribonda Minoa? Spero di non offendere nessuno, ma leggendo la sofferenza dei miei parroccchiani di Minoa non faccio altro che pregare San Giuseppe provvido custode di proteggerci e proteggere Minoa dalla morte”.