“Prima domanda. Chi ci fornirà i sacchetti trasparenti per l’indifferenziata? Seconda domanda. Chi ci fornirà i sacchetti biodegradabili per l’umido? Per finire (momentaneamente), bisogna spiegare bene cosa si intende per indifferenziata. Molti intendono che possono mettere tutto, dall’umido al vetro alla carta ecc. e non ciò che non è riciclabile”.

Quella di Domenico Gentile è una delle diverse domande poste pubblicamente al sindaco di Cattolica Eraclea Santino Borsellino sulla sua pagina Facebook. Una delle domande alle quali il sindaco non ha ancora risposto, certamente non per mancanza di tempo visto che ha trovato il tempo per dire in questi giorni, tra le altre cose relative ai rifiuti, che “Registriamo con molta soddisfazione, i dati che arrivano sul primo giorno della raccolta differenziata, svoltasi con la nuova calendarizzazione. Più del 90% degli Utenti ha risposto positivamente al nuovo metodo di raccolta”.

Ecco altre domande (più che legittime) poste al primo cittadino su Facebook e rimaste senza risposta. Ha scritto Domenico Campisi: “Nelle modalità di conferimento, alla fine viene evidenziato che un errato conferimento verrà sanzionato (io sono d’accordo), ma prima si dovrebbe spiegare alla gente come differenziare (magari distribuendo una piccola linea guida come separare i vari rifiuti es. I bicchieri di plastica dove vanno, bisogna staccare le etichette dalle bottiglie di plastica ecc.?) E dopo un piccolo periodo di rodaggio fare le sanzioni”. E Loredana Daino: “Giusto… Mi stavo ponendo le stesse domande!”. Poi Bongiorno Concetta: “Se ci passate i sacchetti ? Perché non vado a comprare i sacchetti trasparenti”. E Aldo Rosetta Milazzo Iacono: “Ma i sacchetti saranno dati alla popolazione dal comune?”.

Restando in attesa delle risposte del sindaco, ripubblichiamo in questo link il calendario della nuova raccolta differenziata.

Si coglie l’occasione, infine, per rilanciare i quesiti (che si ritengono legittimi e ai quali avrebbe dovuto rispondere senza che gli venisse richiesto in virtù della tanto decantata trasparenza) posti nella “interrogazione online” di cattolicaeracleanews.eu che riportiamo integralmente:

Mancano ancora i dati degli ultimi tre mesi del 2017, ma nell’anno appena passato la raccolta differenziata a Cattolica Eraclea si è rivelata un vero e proprio disastro, con percentuali mensili scese dal 62% al 26%. L’amministrazione comunale corre ai ripari con un nuovo calendario, l’opposizione attacca e chiede al sindaco di revocare il piano predisposto per la nuova raccolta differenziata e informare i cittadini in un consiglio comunale aperto. Ritenendo insoddisfacenti sia le comunicazioni dell’amministrazione comunale sia quelle della minoranza consiliare, al fine di dare un quadro informativo completo ai cittadini, Cattolicaeracleanews.eu presenta al sindaco e all’assessore competente la seguente “interrogazione online”.

Premesso che: nel giugno 2016 è stata costituita nuova società (Minosse Ambiente Srl) per la gestione in house del servizio di raccolta e smaltimento dei  rifiuti solidi urbani; che a tal proposito non è mai stata informata adeguatamente la cittadinanza; che è già stato realizzato e attivato un sito web senza avere dato adeguata comunicazione ai cittadini; che lo stesso sito web risulta peraltro ancora incompleto, con pagine scritte addirittura in latino; che sullo stesso sito non sono state ancora fornite tutte le informazioni necessarie sulla raccolta dei rifiuti e sui costi del servizio né tantomeno, ad oggi 8 gennaio 2018, è stato pubblicato il nuovo piano per la raccolta differenziata; che dei cambiamenti significativi relativi al nuovo calendario e alle modalità di raccolta non sono stati  adeguatamente informati i cittadini;

Considerato che: ormai da tempo il comune affitta un autocompattatore e altri due mezzi a costi eccessivi; che almeno per tre volte è stato annullato il bando per acquisto autocompattatore; che si sta ancora oggi spendendo in noleggio mezzi più di quanto costa comprare gli stessi; che la raccolta differenziata a Cattolica Eraclea ha già toccato i minimi storici con ulteriore aggravio di costi in bolletta; che ancora non è stato attivato un sistema per cui ogni cittadino possa pesare nell’isola ecologica i propri rifiuti differenziati al fine di avere una riduzione della propria bollette; che nel manifesto del nuovo calendario oltre alla Minosse Ambiente Srl si apprende della presenza della Eco XXI Srl.

Si chiede al sindaco Santino Borsellino e all’assessore competente di sapere: se è intenzione dell’amministrazione fornire tutte le informazioni ai cittadini in merito alle nuove società (Minosse Ambiente Srl e Eco XXI Srl) impegnate per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti a Cattolica Eraclea; se è possibile avere una relazione del lavoro finora svolto per dare la più ampia informazione alla cittadinanza garantendo la trasparenza; se è possibile avere un quadro completo e dettagliato della situazione relativa ai costi complessivi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti; se l’amministrazione comunale intende avviare un’adeguata campagna di comunicazione finalizzata al dare ai cittadini tutte le informazioni sul nuovo calendario e non semplicemente dei post su Facebook; se intende fornire tutte le informazioni dettagliate relative al bando per l’acquisto di un autocompattatore e alle motivazioni che hanno più volte portato all’annullamento”.