Il Wwf Sicilia Area Mediterranea protesta contro il progetto di ricerca per sali potassici e alcalini a Eraclea Minoa, nel territorio dei comuni di Ribera e Cattolica Eraclea, in un’area a monte della foce del fiume Platani, sito GSSP di importanza comunitaria, “protetto” dalla Comunità Europea.

Per il Wwf è inconcepibile che si pensi ad attività estrattive “in una zona dove a poche centinaia di metri si trovano una riserva naturalistica, lungo il corso del fiume Platani e il laghetto Gorgo, che ormai ospita un’importante quantità di specie migratorie e locali, costituendo, di fatto, una habitat naturale difficile da fortificare in Sicilia”.

L’industria mineraria in prossimità della foce di un fiume – si legge in una nota del Wwf – è contro natura e contro la vocazione turistica che il sito possiede per le stesse influenze rammentate dal sito di Dedalo e Minosse che proprio qui trovò ospitalità: e poi arance, ulivi, fragoline, una struttura agricola con Dop, Igp e presidi Slow Food ammirati da tutto il mondo”.
Fonte: Agrigentonotizie